Serie A

Comazzi: "A Vilnius per dare continuità alla vittoria di Reggio Emilia"

Alla vigilia della terza sfida europea della Fiat Torino, ha parlato l'assistente allenatore gialloblù

Fabio Milano
23.10.2018 16:17

Dopo la bella vittoria di Reggio Emilia nell'ultimo turno di campionato, per la Fiat Torino è di nuovo vigilia di EuroCup. Domani sera infatti (palla a due alle ore 18 italiane con diretta su Eurosport Player) i gialloblù saranno impegnati in Lituania contro i padroni di casa del Rytas, attualmente a due punti in classifica nel girone, frutto di una vittoria e di due sconfitte.

Torino invece, fanalino di coda del girone D con tre sconfitte in altrettanti match, è chiamata ad una risposta importante anche sul palcoscenico europeo.

“Affrontiamo una formazione di talento – spiega l'assistente allenatore Stefano Comazzi – ed anche stavolta si tratta di una trasferta lunga ed impegnativa. Si tratta di un'altra Vilnius rispetto a quella che incontrammo l'anno scorso, con nomi importanti in roster come Echodas e Sirvydis. Dovremo temere soprattutto il loro atletismo, è una squadra che gioca molto il pick and roll ed hanno ottimi tiratori.”

Torino dovrà riservare un'attenzione particolare ad una vecchia conoscenza del nostro campionato, quel Dominique Sutton che ha fatto molto bene nelle ultime stagioni a Trento, così come il coach lituano Adomaitis, che da giocatore ha un passato a Montecatini alla fine degli anni '90. In dubbio invece la presenza del playmaker titolare, Chris Kramer.

“Questo match è fondamentale per entrambe le squadre in ottica di qualificazione al turno successivo di EuroCup – conclude Comazzi – e per noi soprattutto sarà fondamentale dare continuità alla bella prestazione di domenica scorsa, ribadendo il buon gioco di squadra messo in mostra a Reggio Emilia nella fase d'attacco. Speriamo ci serva da ulteriore stimolo per la crescita, vincere aiuta sempre lo spirito ed il morale del gruppo”.

 

Commenti

Just give me some Candi
EuroCup - La Fiat riemerge da -17, ma cede nel finale con il Lietuvos Rytas