Pagelle

Le pagelle di Torino - Avellino

Arianna Spennacchio
27.12.2018 12:17

Un Santo Stefano amaro per i tifosi della Fiat Torino che dopo un primo tempo in cui hanno potuto guardare la loro squadra condurre la partita sono stati poi delusi al rientro in campo nel terzo quarto: l'Auxilium, irriconoscibile, non è più stata in grado di difendere sugli avversari nè di essere coesa in attacco. Arriva la sconfitta che lascia la squadra torinese a 8 punti in classifica, non approfittando di un' Avellino a ranghi ridotti.

Moore 6:  inizia fortissimo con un primo tempo che gli farebbe meritare una firma immediata per la prossima stagione; nella seconda parte di gara però si spegne insieme ai compagni e non riesce ad essere d'aiuto quando più era necessario.

Poeta 5: pochi minuti in campo in cui appare confuso, inventa passaggi quando dovrebbe tirare e il capitano sprofonda insieme alla squadra.

Carr 5,5: nonostante il suo tabellino appaia sempre soddisfacente, la realtà in campo è diversa e i canestri segnati sono quasi sempre frutto di iniziative individuali. Non riesce a far girare i compagni e perde palloni banali.

Delfino 5,5: ci mette sempre l'anima ma questa volta non basta; eccessivamente nervoso in panchina e con gli arbitri.

Hobson 5,5: la sua prima partita negativa da quando è arrivato in città. Lotta a rimbalzo catturandone 12 ma non è efficace in attacco, sembra spento e rientra in panchina nervoso e arrabbiato con se stesso.

Wilson 5: fatta eccezione per alcuni canestri, la sua partita è disastrosa. Non riesce a difendere sugli avversari, in particolare Green, non attacca mai il ferro e sembra perennemente quello che è "bravo ma non si applica".

Mcadoo 6: molti errori, come le due schiacciate sbagliate, ma sembra essersi risvegliato dal suo torpore. Una delle sue prestazioni migliori da quando è a Torino ma questo non vuol dire che la sua prestazione sia stata buona in senso assoluto, solo che forse c'è speranza.

Cusin 5,5: parte bene, dimostrando di aver buona visione di gioco, ma poi è confusionario e poco utile alla squadra.

Jaiteh 6: disputa una prova sufficiente ma bisognerebbe vederlo in campo più a lungo per poter fare una valutazione più accurata. Brown, ancora una volta, se lo dimentica in panchina.

Portannese 6: vale lo stesso discorso fatto per Jaiteh, meriterebbe più fiducia.

Brown 4,5: nessuno vuole accanirsi di proposito contro il coach ma è evidente che a questa squadra manchi una guida. I canestri non sono frutto di schemi, manca gioco sia in attacco che in difesa e alla prima difficoltà la squadra si scioglie invece che compattarsi. Sembra essersi arreso già all'inizio dell'ultimo quarto, non fa cambi nè alcun cambiamento per provare a girare la partita.

Commenti

Dura poco la Fiat, Avellino vince il match di Santo Stefano
UFFICIALE - Larry Brown e la Fiat Torino si separano. Panchina affidata a Paolo Galbiati.