Pagelle

Le pagelle di Varese - Torino

Arianna Spennacchio
17.12.2018 11:39

Sconfitta esterna della Fiat Torino che a Varese non riesce a proseguire il suo cammino in campionato sul trend positivo della vittoria contro Trento e della buona prova contro Vilnius.

Una prova senza energia e senza carattere che permette agli avversari di fare il proprio gioco, girando velocemente la palla e dominando a rimbalzo; la poca solidità vanifica il tentativo di rimonta quando nell'ultimo quarto si era arrivati a -3, concedendo l'ennesimo parziale alla squdra di Caja.

Torino adesso è nel gruppo delle ultime in classifica con 6 punti.                        

 

Moore 6,5: gioca una buona partita, ha talento e si vede, ma non è ancora il leader di questa squadra e non riesce ad essere determinante quando Torino prova la rimonta.

Poeta 5,5: il Capitano non riesce a dare la sua impronta a questa partita, 13 minuti in campo ma senza la possibilità di trovare veramente ritmo.

Carr 5: appare spaesato in campo, sguardo spento ed una carenza di personalità più che di talento; segna solo quando si mette in proprio.

Delfino 6,5: per lunghi tratti è l'unico a tenere a galla la squadra, è il miglior rimbalzista di Torino catturandone 5 (dato significativo) e segna 15 punti. Nel momento decisivo sbaglia però una tripla che avrebbe riaperto i giochi.

Hobson 6,5: poco in ritmo nella prima parte di gara anche a causa dei cambi frequenti, nell'ultimo quarto dimostra di avere grande personalità e con grinta guida la rimonta della Fiat che però non si concretizza. Fin'ora sembra essere una delle poche buone scelte di mercato di questa stagione.

Wilson 5: sembra essere tornato in campo il suo cugino scarso, assolutamente impalpabile nei 24 minuti trascorsi sul parquet.

Cusin 5,5: non tra i più negativi in campo ma non regge il confronto con Cain e i soli 2 rimbalzi catturati ne sono la prova. Brown lo schiera titolare e sta a lui dimostrare di meritarsi il quintetto.

Jaiteh 5,5: una prestazione difficile da commentare, scende in campo soltanto per pochi minuti per dare fiato a Cusin e Mcadoo, non avendo la possibilità di entrare in ritmo. I due liberi sbagliati sono l'unica ragione della sua insufficienza.

Mcadoo 4,5: passano i mesi, cambia pettinatura, a tratti ruolo, ma le sue mani restano quelle che sono. Sbaglia i liberi e mette fine alla rimonta torinese, non prende nemmeno un rimbalzo durante i 17 minuti giocati. Il peggiore in campo.

Brown 5: nonostante in qualche rara azione si sia visto del "bel gioco", il coach americano continua a capirci ben poco del nostro campionato e dovrebbe prendere lezioni da Caja. Non sfrutta la panchina (dimenticandosi completamente di Portannese e Anumba) e i cambi arrivano spesso in momenti poco opportuni.

Commenti

Volando come vola il tacchino: "Cosa fare per evitare di retrocedere"
La rassegna stampa di lunedì 17 dicembre 2018