Pink and Roll

Dr. Jekyll e Mr. Hyde

Arianna Spennacchio
09.12.2020 14:15

La Reale Mutua Basket Torino nel giro di poche ore si è ritrovata ad affrontare due partite molto diverse tra loro: l’esordio casalingo di questo campionato e l’ostica trasferta a Tortona.

La prima gara, andata in scena domenica, ha visto i torinesi fronteggiare l’Assigeco Piacenza e dominare gli avversari per tutti i 40 minuti.

Giocare senza pubblico è davvero triste e per questo motivo la società ha cercato di omaggiare gli abbonati e renderli partecipi utilizzando le loro fotografie per farne dei cartonati posizionati in tribuna e stampando tutti i loro nomi sulle divise: un’iniziativa molto carina e apprezzata.

I cartonati sono stati molto rispettosi e, a differenza di Treviso che è riuscita a farsi multare per offese frequenti del pubblico agli arbitri nonostante le porte chiuse, al Pala Gianni Asti è andato tutto secondo i programmi.

Torino, con gioco fluido in attacco e una solida difesa, ha sbrigato la pratica in scioltezza vincendo 88-54.

L’ampia vittoria contro i piacentini non ha però innescato una scia positiva, anzi, ha forse il demerito di aver fatto rilassare troppo la squadra che si è presentata il giorno dell’Immacolata a Tortona decisamente fuori forma e fuori ritmo.

Una pessima prova balistica ha causato fin dal primo quarto lo svantaggio torinese, la difesa aggressiva ma non molto efficace ha lasciato fare il bello e il cattivo tempo a Derthona, in particolare all’ex PMS Bruno Mascolo che è stato determinante per la sua squadra.

Torino cerca di farsi sotto nel secondo tempo ma è più intermittente dell’audio della diretta LNP e i tentativi di rimonta vengono sistematicamente spenti dagli avversari.

La difficoltà ad attaccare la difesa a zona di Ramondino, le palle perse, le prestazioni opache di Clark e Alibegovic (nonostante i 14 punti) e un Cappelletti irriconoscibile rispetto alla scorsa stagione sono solo alcune delle cause della prima sconfitta stagionale per 70-64.

Coach Cavina deve ora riprendere in mano la situazione e far in modo che la squadra dimostri costanza e sia meno ispirata a “Dr. Jekyll e Mr. Hyde”: le qualità e le possibilità di far bene ci sono tutte ma occorre trovare un equilibrio ed essere meno Diop dipendenti.

 

 

Commenti

Cavina: “Concentrati per la sfida di domani, Tortona squadra ambiziosa”
Cappelletti: "A Trapani per riscattarci dopo la sconfitta con Derthona"